Come cucinare i cavolini di Bruxelles, ricette e consigli

cavolini di Bruxelles sono la Cenerentola delle verdure. Poco apprezzati sia dai bambini che dagli adulti, hanno in realtà un enorme potenziale non solo per i loro benefici ma anche per il loro sapore. Ci sono tantissime ricette con i cavolini di Bruxelles gustose e saporite, che rendono questo vegetale poco amato un vero concentrato di gusto. Qual è il segreto? Pulirli e cuocerli seguendo alcuni piccoli accorgimenti. Scopriamo tutti i benefici dei cavolini e come prepararli per apprezzarli al meglio e stupire famiglia e amici.

Cosa contengono i cavolini di Bruxelles?

Realizzare ricette con i cavolini di Bruxelles non è solo facile e veloce, ma ci permette di assumere tantissime vitamine e minerali. I cavolini di Bruxelles infatti hanno tantissimi benefici per la nostra salute, contengono fibre e un alto numero di proteine, mentre sono invece poveri di carboidrati e grassi. Sono ricchi anche di magnesio e potassio, di vitamine come la B6, la C e la vitamina K, e sono anche ricchi di carotenoidi, che hanno notevoli benefici sulla vista. Hanno anche un effetto prebiotico, ovvero aiutano nel corretto funzionamento dell’intestino.

Come si raccolgono i cavoletti di Bruxelles?

I cavolini di Bruxelles sono estremamente facili da coltivare anche a casa, si seminano verso fine aprile, inizio maggio e si raccolgono da inizio ottobre a febbraio. Vanno raccolti staccandoli dalla pianta con un coltellino, quando raggiungono un diametro di circa 3 cm. È importante raccoglierli prima che si stacchino dalla pianta, ovvero quando anche premendoli con le dita non cadono.

cavolini di bruxelles come cucinarli

Come rendere meno amari i cavolini di Bruxelles?

L’odore sgradevole e il sapore amaro dei cavolini di Bruxelles sono la prima ragione per cui nessuno li ama particolarmente, sia adulti che bambini. Ci sono però tantissimi metodi per rendere meno amari i cavolini di Bruxelles, e vi assicuriamo che dopo averli provati non potrete più fare a meno di questa verdura!

No alla bollitura

Il primo consiglio è quello di evitare di cuocere i cavoletti di Bruxelles in acqua bollente. È vero, sembra il metodo di cottura più pratico e veloce, ma è proprio la bollitura il motivo per cui i cavoletti rilasciano il loro particolare odore e il loro sapore amaro. Meglio prediligere la cottura in padella, ma se non potete fare a meno di lessarli meglio evitare di cuocerli troppo a lungo, lessandoli per massimo 10 minuti.

Cottura al forno? Sì, grazie

Uno dei metodi per gustare al meglio i cavolini di Bruxelles è la cottura al forno. In questo caso è meglio tagliare i cavolini a spicchi o a fette più o meno spesse, come se fossero patate, per renderli ancora più croccanti e gustosi. Tra le ricette al forno dei cavolini di Bruxelles troviamo i gustosissimi cavolini di Bruxelles gratinati, da passare prima in vaporiera per qualche minuto e poi cuocere al forno

Ricette cavolini di Bruxelles, la caramellizzazione

Un altro metodo per rendere le ricette con i cavolini di Bruxelles gustose e saporite, eliminando il sapore amaro, è quello di caramellizzare la verdura, cuocendo i cavolini in padella con acqua e zucchero di canna, oppure con un po’di miele. Possiamo anche stufarli, come in questa ricetta dei cavolini di Bruxelles al vino e cipolla, per dare un gusto più delicato e particolare.

cavolini di bruxelles come cucinarli

L’abbinamento con ingredienti dolci

Se il sapore amaro dei cavolini ci dà fastidio anche provando nuovi metodi di cottura, possiamo attenuarlo abbinando le verdure a ingredienti dolci. Un esempio? La nostra ricetta dei cavolini all’arancia, gustosissima e semplice da preparare. I cavoletti stanno benissimo anche con altri tipi di frutta, come le mele, e con ingredienti come la zucca o le patate dolci.

A tal proposito, ecco qui una ricetta veloce e super gustosa con patate dolci, cavolini di Bruxelles e feta.

Ingredienti:

  • 350 g di cavoletti di Bruxelles
  • 300 g di patate dolci
  • 70 g di feta
  • olio
  • paprika dolce
  • sale

Preparazione:

Pulire i cavolini e tagliare a cubetti le patate dolci. Unire i due ingredienti ancora crudi, condirli con olio, sale e paprika e metterli in una teglia ricoperta di carta forno. Cuocere in forno a 200 gradi per una ventina di minuti, girando le verdure a metà cottura, passato il tempo aggiungere la feta sbriciolata o tagliata a cubetti e rimettere in forno per qualche minuto, oppure servire con la feta ancora fredda, per creare un contrasto di sapori.

Prima della cottura pulire accuratamente i cavolini

Ultimo ma non meno importante, per evitare di cucinare cavolini di Bruxelles amari, è fondamentale pulirli correttamente prima di cucinarli. Come si puliscono i cavoletti di Bruxelles? Per prima cosa è necessario eliminare le foglie più esterne, che sono le più rovinate, poi si dovrà tagliare la base del cavoletto, più dura. Una volta eliminate le foglie e la base sciacquare i cavoletti per eliminare le impurità e eventuali residui di terra, scolarli e asciugarli. Prima di cuocerli, per velocizzare la cottura e cuocere la verdura in modo uniforme, si può anche fare una piccola incisione sulla base del cavoletto, senza comprometterne la forma.

Come conservare i cavoletti di Bruxelles?

I cavolini di Bruxelles, una volta raccolti o acquistati, si conservano in sacchetti forati in frigo per circa una settimana o poco più, ma se vogliamo conservarli più a lungo possiamo congelarli, meglio se già cotti, e conservarli in freezer per circa dieci mesi. Precotti, i cavolini possono essere conservati anche sottovuoto.